Omeostasi e Ormesi

Le cellule sono in costante ricerca dell’equilibrio, è parte della nostra vitalità!
Ci si può allenare a “restare in equilibrio”? Sì! Cercando il disequilibrio!

Cos’è il processo dell’Omeostasi(1)?

Se scegliamo la riduzione di calorie come “Stimolo Ormetico”(2), il corpo reagirà all’abbassamento delle calorie(3), cercando l’Omeostasi più efficiente a secondo delle calorie a disposizione. Perciò il nostro corpo crea la situazione, dove tutto va bene(4). Ricorda che questo è un approccio soggettivo, quindi l’intensità della riduzione delle calorie deve essere adattata alle tue reazioni(5).

Come misurare la “dose” ottimale di Ormesi(6)?

La mia opinione è che più siamo coscienti del nostro corpo e più siamo coscienti di quello che facciamo, più ci avviciniamo alla miglior “dose”.
Prendi nota(7) dei tuoi successi e delle tue emozioni. Confronta i pareri dei tuoi amici per poter migliorare oppure chiedi loro di digiunare con te. Riserva una seduta di Shiatsu così da poter comprendere più a fondo le tue reazioni.

Quale tipo di Ormesi scegliere?

Tra le tante possibilità, troviamo:
a. Restrizione calorica(8): impegnati a mangiare più frutta, verdura, noci; pianifica un digiuno; impegnati a mangiare 1’000 Calorie al giorno; impegnati a mangiare tra le 8 e le 14;
b. Esponiti al freddo o al caldo: impegnati ad una pratica che ti dia nuove sensazioni felici;
c. Fai moto: impegnati ad un’attività sportiva per 30 giorni: correre, nuotare, andare in bicicletta, yoga, sollevamento pesi, Rex sport o altri… e impegnati a farlo seriamente per almeno 30 minuti al giorno;
d. Pressione psicologica: guarda come il mondo esteriore influenza la tua vita giornaliera e il tuo livello di energia. Riconosci cosa ti provoca felicità e cosa tristezza. Come reagisci a comportamenti scorretti? Come reagisci all’atmosfera Natalizia o alla Noia?
e. Privazione di ossigeno: come reagisce il tuo corpo in altitudine?

Ti invito a riservare un processo con delle sedute di Shiatsu, per rinforzare il tuo “impegno”, e un adeguato allenamento, per scegliere la tua Ormesi e per trovare la tua dose Ormetica. Sarò felice di seguirti nel tuo processo e farti trovare un nuovo equilibrio.

———-
Note:
(1) L’omeostasi è un termine coniato da Walter B. Cannon che abbraccia il complicato processo del corpo per mantenere costante l’ambiente interno. (Https://www.scientificamerican.com/article/what-is-homeostasis/)
(2)L’azione Ormetica: definisce il modo per innescare il processo di omeostasi, portando, consciamente e inconsciamente, il corpo in equilibrio, le cellule sono spinte a trovare un nuovo equilibrio. Ormesi (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2248601/; http://gettingstronger.org/wp-content/uploads/2016/08/BeckerAHS16.pdf)
(3) coscientemente, e per lo più inconsciamente, il nostro corpo reagisce costantemente al mondo esterno: reagisce a virus o batteri o una ferita o un osso rotto o una forte emozione e la temperatura del nostro corpo è un buon indicatore. .
(4) Tutto come: pressione sanguigna, livello di acido / basico, livello di zucchero, il livello di ossigeno, temperatura (esempio: è ben noto che quando la nostra temperatura corporea sale sopra i 37,5 gradi abbiamo una patologia)
(5) In generale l'”azione ormetica” deve essere misurata di conseguenza alle cellule coinvolte!! L’omeostasi, a livello cellulare, ha bisogno di essere testata singolarmente, perché ognuno ha la sua reazione all’azione ormetica. AlLe proteine ​​verrà chiesto di portare a un nuovo equilibrio: “riparare” e “disintossicazione” le cellule colpite. La “Zona Ormetica” definisce la dose ottimale.
(6) Altri modi per la dose ottimale:
– In laboratorio simulando l’efficacia di un farmaco alle cellule;
– Misurando i battiti cardiaci durante l’attività fisica (Conconi Test (https://it.wikipedia.org/wiki/Test_di_Conconi) o test di Cooper (https://it.wikipedia.org/wiki/Test_di_Cooper))
– Altri metodi di lavoro corporale.
(7) Dove sono i punti felici nel vostro corpo? Dove sono le tensioni? Come si respira? Cosa stai pensando?
Se ci sono troppe cose in corso, impostare una sessione di Shiatsu e pensare a questo proposito durante la sessione.
(8)
– Intervista a Valter Longo, IFOM, UCSC Longevità Institute: https://youtu.be/23tcu7q0DBU;
– Un modo per trovare la via del ritorno alla natura con Ildegarda da Bingen: https://it.wikipedia.org/wiki/Ildegarda_di_Bingen;
– Che cosa Harvard dice di mangiare sano: https://www.hsph.harvard.edu/nutritionsource/healthy-eating-plate/.
– Migliorare la salute arco e la tua aspettativa di vita, migliorando il sistema endocrino
(Https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27304506)
– Aumentare le risposte del sistema immunitario (documentario della BBC sulla riduzione assunzione di calorie http://lagrandevia.it/eat-fast-live-longer-hd/)
– Migliorare la rigenerazioni cellulare con il processo naturale di autofagia (https://it.wikipedia.org/wiki/Autofagia_cellulare; vedi anche Yoshinori Ohsumi, il premio Nobel per la fisiologia 2016 per gli studi sull’autofagia https://it.wikipedia.org/wiki/Yoshinori_%C5%8Csumi)
– Come vivere più a lungo! Sulla base di una scoperta del premio Nobel Dr Elizabeth Blackburn, la guida definitiva per cosa mangiare per battere le malattie cardiache, ictus, cancro e il morbo di Alzheimer: http://www.dailymail.co.uk/health/article-3466610/How-live-longer-Based-Nobel-Prize-winning-discovery-ultimate-guide-eat-beat-heart-disease-strokes-cancer-Alzheimer-s.html
– Che cosa dice National Geographic sul tema Dieta: http://www.nationalgeographic.com/foodfeatures/evolution-of-diet/
Dr. Denham Harman – legendary scientist in aging:
Dr. portrait (http://www.unmc.edu/news.cfm?match=16113)
Teoria interessante (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK3869/; in italiano (http://www.medicinaosteopatica.it/consultazione.asp?Id=44))