Cosa mi ha portato a bagnarmi nell’acqua gelata?

Tutto è cominciato quando cercavo un tema per il lavoro di diploma della formazione: “Cura Olistica durante la Gravidanza per Terapisti Shiatsu”.
Pensavo a cosa potesse combaciare con la mia natura di uomo, quindi impossibilitato dal vivere in prima persona questa primordiale capacità, questo magnifico dono, questo miracolo che è la gravidanza.
Pensavo all’energia che serve per fecondare l’ovulo, per mantenere e terminare la gravidanza, per dare alla luce il bebè e per poi sostenerlo, curarlo, amarlo, educarlo e lasciarlo libero di decidere per se.
Quando delle clienti mi hanno portato dei problemi legati alla placenta, ho cercato dei possibili Tsubos, che potessero sostenerle nello svolgimento sano della gravidanza.
Questo mi ha dato il tema: “Placenta e Shiatsu”.
Addentrandomi nei libri di embriologia e di agopuntura, ho avuto la conferma di come tutto fosse così perfettamente predisposto e che l’energia necessaria per questo miracolo è imprevedibile.
Perciò ho voluto cercare un’attività che potesse facilmente coinvolgere il padre, così da poter vivere un’esperienza intensa e mettere alla prova il proprio corpo. Allo stesso tempo potesse rinforzalo e prepararlo per sostenere la gravidanza della madre e tutto quello che sarebbe accaduto dopo.

Come aumentare il livello di energia?
Con lo Shiatsu, lavoro sulle risorse dei miei clienti, in modo da nutrire e sostenere quella parte di noi che ci permette di passare attraverso le situazioni della vita (malattie, stress, emozioni, manchi da colmare). Mi sono chiesto come il padre potesse aumentare il proprio livello di energia ed essere allo stesso tempo vicino alla madre. Quindi in più delle mie sedute regolari di Shiatsu, ho provato con la meditazione e lo Yoga.

Sulla strada per aumentare il mio livello di energia

Sulla strada per aumentare il mio livello di energia

Ma la sensazione di agire in modo troppo “Yin” mi ha abbracciato e, di conseguenza, se c’è troppo “Yin”, non c’è equilibrio!! Ma come alimentare e sentire la forza “Yang”?… Così Wim Hof, che detiene il record mondiale di esposizione al freddo, ha catturato la mia attenzione.

Così, alle sedute di Shiatsu, alla meditazione e all’esercizio fisico, ho aggiunto l’esposizione al freddo (docce e bagni freddi) e la respirazione energica, che aumenta il livello di ossigeno nel corpo. Tutto questo continuando a lavorare e ad avere una vita sociale.
All’inizio ero stanco e un po’ svogliato, ma quando andavo sotto la doccia fredda tutto tornava chiaro e limpido: l’essere concentrato sul mio corpo e mantenere una temperatura di 37 gradi, sentire le mani e i piedi che cominciavano a “lamentarsi” e sentire anche tutto il resto del corpo che, al contrario, era rilassato, caldo e pieno di vita … mi riportava immediatamente al “qui e ora” alla mia intenzione di accrescere il livello di energia, a rinforzare il mio sistema immunitario e ad elasticizzare e allenare il sistema circolatorio. Spariva la stanchezza e tutte le mie cellule vibravano felicemente!

E poi è arrivata la Noia e la sensazione di assenza di qualcosa: mi sentivo come un cane al guinzaglio che scalpita davanti ad un bellissimo prato con tanti giochi.
Questo si rispecchiava nella pratica della meditazione, come in quella sportiva: i miglioramenti si lasciavano offuscare dalla Noia e la fatica non diminuiva.

Allora ho cominciato attivamente a questionare la mia pratica, durante le sedute di Shiatsu, restando passivo di fronte alla Noia e chiedendomi come potessi essere creativo e crescere…
Quello che ho capito, durante una seduta di Shiatsu, è che stavo trasformando la mia energia in “Movimento Noia Cronica” invece di trasformarla in “Movimento Nutrente”. Un movimento che scaturisce dal mio nucleo e che nutre l’intenzione di essere felice e sano… mentre che la Noia mi portava ad essere infelice e frustrato.

Sentire questa connessione tra bisogni e intenzioni ha cambiato la percezione della pratica da Noiosa a Gioiosa.

Di conseguenza ho cambiato atteggiamento e sono passato dall’attitudine “lottare contro la Noia” all’”attitudine di nutrire la mia intenzione” di avere più energia.

Esperienza intensa con il freddo:
Ed eccomi, in novembre, a parlare delle mie esperienze con il freddo ad una giornalista della CoopZeitung e, in gennaio, ad espormi al freddo per ca. 60min a Hoch-Ybrig.

Happy and relaxed in the icy water

Contento e rilassato nell’acqua gelida, foto di Heiner H. Schmitt/ Coopzeitung


Nel laghetto ghiacciato, l’acqua era circa 1 grado, sentivo il dolore delle vene e delle arterie che si chiudevano in un lampo. Quando non sono più riuscito a concentrarmi sul mio nucleo energetico ed a nutrire tutto il mio corpo con il calore del mio sangue, sono uscito dal laghetto 🙂

Nove mesi dopo la mia prima doccia fredda, eccomi nei Pirenei con Wim Hof e altre 30 persone per rimettere alla prova la mia capacità di sentire il mio nucleo energetico.
Dal 1mo all’8 luglio, nella fantastica regione dei Pirenei spagnoli, ho affinato la mia capacità di connettermi con la natura e di conseguenza con la mia energia e dove ho incontrato tanta gente interessante.

Tutte queste esperienze mi hanno dato l’accesso a nuove fonti di energia!
Questo mi ha permesso anche di affinare le mie tecniche di Shiatsu integrandole nel lavoro con i clienti. Mi ha anche permesso di nutrire la mia parte “Yin” e quella “Yang” trovando un nuovo equilibrio!!

In questo mondo duale sento il bisogno di dare spazio e nutrire la mia parte maschile e quella femminile partendo dal punto di vista che il mio nucleo è unico e puro. In oltre, grazie alla connessione tra mente, cuore e corpo, posso nutrire le mie intenzioni, ascoltare i miei bisogni e migliorare la mia percezione.

Vi invito ad intraprendere un processo con lo Shiatsu, alfine di rinforzare il vostro “Yin”, e ad un allenamento mirato per rinforzare il vostro “Yang”. Sarò felice di accompagnarvi inentrambe i processi Yin e Yang!